Esercizi di Meccanica Razionale A by Franceschini V.

By Franceschini V.

Show description

Read or Download Esercizi di Meccanica Razionale A PDF

Best italian books

Carcinoma della cervice uterina: Eziopatogenesi e profilassi

Il carcinoma della cervice uterina ? los angeles seconda causa di decessi in line with cancro nelle donne in tutto il mondo. los angeles sua prevenzione ? in rapida evoluzione da quando ? stato riconosciuto che genotipi oncogeni di papillomavirus umano (HPV) sono l. a. causa necessaria, anche se non sufficiente, del cancro del collo dell’utero.

Il rifiuto - Considerazioni semiserie di un fisico sul mondo di oggi e di domani

Torino, Einaudi, 1978, 16mo brossura editoriale, pp. 129 (Nuovo Politecnico, ninety nine) . Firma di possesso, lievi sottolineature.

Additional info for Esercizi di Meccanica Razionale A

Example text

Proiettando l’equazione di Newton sui tre assi cartesiani, si ha  m¨ x = ¡λx˙   m¨ y = ¡λy˙ ¡ mg   m¨ z = ¡λz. ˙ 204 λ , questo sistema di tre equazioni differenziali lineari del secondo ordine (la prima e la m terza omogenee, la seconda completa) diventa Posto h =  x¨ + hx˙ = 0   y¨ + hy˙ = ¡g   z¨ + hz˙ = 0. Essendo le tre equazioni indipendenti e, per la parte omogenea, la stessa equazione, l’integrale generale di ciascuna `e legato alle soluzioni dell’equazione caratteristica α2 + hα = 0, che implica α1 = 0 e α2 = ¡h.

7 Un punto P percorre il bordo di un disco di raggio R con legge assegnata θ = θ(t). A sua volta il disco ruota con legge nota α = α(t) attorno all’asse ortogonale passante per il centro O del disco. Si chiede di determinare il moto assoluto di P . Sia Oxyz l’osservatore fisso, con Oxy coincidente col piano del disco ed Oz asse attorno al quale ruota il disco. Sia poi Ox1 y1 z1 il sistema mobile solidale col disco, con Oz1 coincidente con Oz. Inoltre, per fissare le idee si abbia α = xx1 . Osserviamo innanzitutto che il punto P rispetto al sistema mobile descrive la circonferenza di centro O e raggio R con legge θ(t).

Si ha i1 = cos θt ¡ sin θn , j 1 = sin θt + cos θn . 14) si ottiene ¡mg(sin θt + cos θn) + Φn n + Φb b + mRω02 sin θ(cos θt ¡ sin θn) = 0 . Proiettando ora nell’ordine su t, n e b si ottengono le seguenti equazioni scalari:  ¡ mg sin θ + mRω02 sin θ cos θ = 0   Φn ¡ mgcosθ ¡ mRω02 sin2 θ = 0   Φb = 0. La prima equazione fornisce l’equilibrio, le altre due la reazione vincolare. Riscriviamo l’equazione dell’equilibrio: (¡mg + mRω02 cos θ) sin θ = 0 . Questa equazione si scinde nelle due equazioni sin θ = 0 oppure ¡ mg + mRω02 cos θ = 0 , da cui sin θ = 0 =) θ1 = 0 , θ2 = π ¡g+Rω02 cos θ = 0 =) se g < Rω02 ,   θ3 = arccos  g Rω02 θ4 = ¡θ3 Dunque, il punto P ha sempre le due posizioni d’equilibrio 0 e π; nell’ipotesi g < Rω02 , ha anche le due posizioni d’equilibrio θ3 e θ4 , simmetriche rispetto all’asse y1 e poste nella met`a inferiore 222 .

Download PDF sample

Rated 4.65 of 5 – based on 35 votes