I tre imperi. Nuovi equilibri globali nel XXI secolo by Parag. Khanna

By Parag. Khanna

Show description

Read Online or Download I tre imperi. Nuovi equilibri globali nel XXI secolo PDF

Similar italian books

Carcinoma della cervice uterina: Eziopatogenesi e profilassi

Il carcinoma della cervice uterina ? l. a. seconda causa di decessi consistent with cancro nelle donne in tutto il mondo. l. a. sua prevenzione ? in rapida evoluzione da quando ? stato riconosciuto che genotipi oncogeni di papillomavirus umano (HPV) sono los angeles causa necessaria, anche se non sufficiente, del cancro del collo dell’utero.

Il rifiuto - Considerazioni semiserie di un fisico sul mondo di oggi e di domani

Torino, Einaudi, 1978, 16mo brossura editoriale, pp. 129 (Nuovo Politecnico, ninety nine) . Firma di possesso, lievi sottolineature.

Additional resources for I tre imperi. Nuovi equilibri globali nel XXI secolo

Sample text

Assieme a massicci investimenti dell'Europa, sono queste le misure necessarie a far sì che l'eredità della Russia resti solo tale, accelerando l'uscita dell'Ucraina dal Secondo Mondo e il suo avvicinamento a una reale identità europea. L'Europa non dispensa soltanto grandi illusioni, ma anche soluzioni pratiche. Se l'approccio americano alla promozione della democrazia in Ucraina – l'appoggio incondizionato a un solo partito – ha portato a un regime arroccato e autocompiaciuto, i gruppi parlamentari e le ONG europee sostengono molteplici formazioni politiche, creando stabili fondamenta per la democrazia.

Consapevoli di quanto il caos possa infiltrarsi attraverso le frontiere, tuttavia, essi hanno mostrato in fretta uno zelo evangelico in favore di un aumentato impegno dell'Unione verso la democratizzazione – soprattutto quella dei loro vicini. Sono stati i presidenti della Polonia e della Lituania a correre a Kiev in qualità di mediatori in occasione dello stallo delle elezioni del 2004, trascinando con sé un riluttante Javier Solana, il responsabile della politica estera europea. La lezione ricorrente è che le nazioni del Secondo Mondo, una volta che agiscono come peer group, hanno assai più da insegnare l'una all'altra di quanto non possano fare i precetti che arrivano da Washington o da Bruxelles.

Abbiamo dominato l'Iraq per quattrocento anni, e di certo la Turchia non sarà mai uno Stato remissivo come lo è stata la Polonia»: così, con tono stridulo, un generale turco ad Ankara. I nuovi «giovani turchi» del ceto dirigente politico, in un impeto di autoconsapevolezza, si sono addirittura permessi di riscoprire il loro passato prerepubblicano. Un'indifferenza neo-ottomana nei confronti dell'Occidente che segna il confine fino al quale la Turchia è disponibile a cedere dal punto di vista sociale, politico e diplomatico.

Download PDF sample

Rated 4.84 of 5 – based on 50 votes