L'età della rivoluzione: 1789-1848 by Eric J. Hobsbawm

By Eric J. Hobsbawm

Corrected model

Show description

Read Online or Download L'età della rivoluzione: 1789-1848 PDF

Similar italian books

Carcinoma della cervice uterina: Eziopatogenesi e profilassi

Il carcinoma della cervice uterina ? l. a. seconda causa di decessi in line with cancro nelle donne in tutto il mondo. los angeles sua prevenzione ? in rapida evoluzione da quando ? stato riconosciuto che genotipi oncogeni di papillomavirus umano (HPV) sono los angeles causa necessaria, anche se non sufficiente, del cancro del collo dell’utero.

Il rifiuto - Considerazioni semiserie di un fisico sul mondo di oggi e di domani

Torino, Einaudi, 1978, 16mo brossura editoriale, pp. 129 (Nuovo Politecnico, ninety nine) . Firma di possesso, lievi sottolineature.

Additional resources for L'età della rivoluzione: 1789-1848

Example text

E là dove non vi era una così rigida divisione amministrativa, spesso i cittadini si distinguevano anche fisicamente dalla gente di campagna. In una vasta zona dell’Europa orientale, essi erano come isole tedesche, ebree o italiane in un lago slavo, magiaro o rumeno. 4 Erano probabilmente – e di questo andavano fieri – di mente più sveglia e più istruiti. Pure, nel loro modo di vivere essi erano isolati e ignari di ciò che accadeva al di fuori del loro circondario per lo meno quanto gli abitanti dei villaggi.

La più importante di queste era l’Inghilterra. La proprietà terriera era concentrata al massimo, ma il tipico coltivatore era un fittavolo-commerciante che si serviva di manodopera salariata. Questi era inoltre attorniato da una numerosa schiera composta da piccoli proprietari, castaldi e simili. Ma quando, approssimativamente tra il 1760 e il 1830, tutta questa gente scomparve; ciò che la sostituì non fu una classe di contadini-agricoltori ma una classe di imprenditori agrari – i fattori – e un numeroso proletariato agricolo.

III. IL PROBLEMA AGRARIO era quindi il problema fondamentale nel mondo del 1789, ed è facile capire perché la prima scuola sistematica di economisti del continente, quella dei fisiocrati francesi, desse per scontato che la terra, e i frutti della terra, fossero la sola vera fonte di reddito. Il punto cruciale del problema agrario era poi quello dei rapporti tra quelli che coltivavano la terra e quelli che ne erano i proprietari, tra quelli che producevano la ricchezza e quelli che l’accumulavano.

Download PDF sample

Rated 4.84 of 5 – based on 16 votes