Scultura gotica in Toscana. Maestri, monumenti, cantieri del by Roberto Bartalini

By Roberto Bartalini

Show description

Read Online or Download Scultura gotica in Toscana. Maestri, monumenti, cantieri del Due e Trecento PDF

Best italian books

Carcinoma della cervice uterina: Eziopatogenesi e profilassi

Il carcinoma della cervice uterina ? l. a. seconda causa di decessi in keeping with cancro nelle donne in tutto il mondo. los angeles sua prevenzione ? in rapida evoluzione da quando ? stato riconosciuto che genotipi oncogeni di papillomavirus umano (HPV) sono los angeles causa necessaria, anche se non sufficiente, del cancro del collo dell’utero.

Il rifiuto - Considerazioni semiserie di un fisico sul mondo di oggi e di domani

Torino, Einaudi, 1978, 16mo brossura editoriale, pp. 129 (Nuovo Politecnico, ninety nine) . Firma di possesso, lievi sottolineature.

Extra resources for Scultura gotica in Toscana. Maestri, monumenti, cantieri del Due e Trecento

Example text

Scrive infatti il cronista trecentesco Agnolo di Tura del Grasso: In questo [1348] s’abandonò in Siena el grande e nobile difitio de l’acrescimento del duomo di Siena, il quale era cominciato pochi anni innanzi ed e[ra] fatta già l’alteza de la facciata dell’entrata principale e la quale viene a piaza Manetti, che riusciva nella strada a lato a la via di piaza Manetti ed erano fatte già la metià de le colone co’ la volta, come si vede52. Se davvero le sculture del portale che guarda verso Vallepiatta, con il loro convinto e nuovo slancio monumentale (figg.

386), la quale così non sarebbe diventata che il transetto della nuova cattedrale. Sono conservati due progetti per la colossale impresa – approntati naturalmente prima del 1339 e a una data che deve seguire il “parere” dato nel 1322 da Lorenzo Maitani e compagni –, che si differenziano tra di loro nella soluzione icnografica prevista per la zona abisdale. Mentre uno prevedeva la costruzione di una grande abside semicircolare con cappelle radiali, sul modello delle abbaziali cistercensi transalpine (Clairvaux stessa e Pontigny)12, nell’altro era progettata una chiesa cruciforme con terminazione di coro poligonale13.

Arezzo, cattedrale forma di cuore che ritroveremo sia nell’Annunciata della cappella Tarlati (fig. 359) sia nella Madonna di San Bernardino. Ha tuttavia una dolcezza sofisticatae una levigatezza che vanno anche oltre i rilievi del fonte di Arezzo e che, soprattutto, non lascerebbero presagire alcune delle opere, dai tratti più scabri e abbreviati, che sembrano seguire. Queste opere, assieme all’Angelo di Budapest, sono dunque le testimonianze più antiche dell’attività di Giovanni d’Agostino28. In esse è già evidente in che direzione punti la sua scultura.

Download PDF sample

Rated 4.24 of 5 – based on 34 votes