Storia del pensiero filosofico e scientifico: il Novecento - by Ludovico Geymonat

By Ludovico Geymonat

Show description

Read Online or Download Storia del pensiero filosofico e scientifico: il Novecento - Tomo III PDF

Best italian books

Carcinoma della cervice uterina: Eziopatogenesi e profilassi

Il carcinoma della cervice uterina ? los angeles seconda causa di decessi in line with cancro nelle donne in tutto il mondo. los angeles sua prevenzione ? in rapida evoluzione da quando ? stato riconosciuto che genotipi oncogeni di papillomavirus umano (HPV) sono l. a. causa necessaria, anche se non sufficiente, del cancro del collo dell’utero.

Il rifiuto - Considerazioni semiserie di un fisico sul mondo di oggi e di domani

Torino, Einaudi, 1978, 16mo brossura editoriale, pp. 129 (Nuovo Politecnico, ninety nine) . Firma di possesso, lievi sottolineature.

Extra info for Storia del pensiero filosofico e scientifico: il Novecento - Tomo III

Example text

Robert Langridge). la conoscenza dell'atomo in misura inaspettata, spingendoli a trovare come poteva venire impiegata per ordinare le informazioni accumulate sulle proprietà chimiche e fisiche della materia. are. È infatti semplice postulare. un meccanismo per il crossing-over, cioè il processo di scambio di materiale genetico fra cromosomi omologhi. Questo può avvenire mediante la rottura e la riunione di molecole di DNA, anche se la spiegazione di questo processo a livello molecolare è tuttora molto poco chiaro.

Verso il 1940 Delbriick viene raggiunto da Alfred Hershey e Salvatore E. com/Baruhk La nuova biologia una serie di scuole estive, la vera fucina della biologia molecolare. Inizia quella che G. Stent chiama la «fase romantica» della nuova disciplina, caratterizzata dall'introduzione in genetica dei microorganismi, di un rigore teorico e di una logica sperimentale precedentemente sconosciuti. Si chiariscono i meccanismi con cui il virus infetta il batterio e vi si moltiplica, le mutazioni dei batteri e il meccanismo di replicazione genetica.

In ogni processo naturale è così possibile determinare i creodi del processo « isolotti di determinismo separati da zone dove il processo è instaqile ». Si viene a determinare la presenza al tempo stesso di aspetti deterministici e indeterministici; così la relazione dei creo di fra loro è indeterminata ma la loro azione complessiva può avere un risultato determinato, governato dal « centro organizzatore » dell'intero processo, che lo riferisce ad un modello universale di cui qùel processo è una «copia».

Download PDF sample

Rated 4.62 of 5 – based on 7 votes